Assassini, ninja e pirati

28 giugno 2013

Ci sono fenomeni nel mondo ludico che si ripetono ciclicamente e che, dopo un paio di anni, riesci a prevedere con una certa sicurezza. Tra queste la costante carenza di chierici di Fharlanghn, l’alta percentuale di paladini che diventano guardie nere e ladri che ti guardano brutto ad ogni apparizione di non-morti e cubi gelatinosi.

Spostandosi sul LARP abbiamo una marea di sacerdoti di divinità oscure, paladini che presto rinnegheranno tutte le loro idee sulla giustizia, caster specializzati nel tirare fulmini,  palle di fuoco et simila, e aspiranti spie e/o assassini.

Tuttavia, in concomitanza con il grande successo di un film, un videogioco o un fumetto, le sessioni di gioco dal vivo vengono invase da orde di PG tutti uguali e tutti ispirati all’eroe del momento. A parte i ninja che sono una costante.

Intendiamoci, spesso il niubbo che si presenta vestito come Ezio Auditore ed ha il classico personaggio furtivo (stile ladro di D&D) e punta a far carriera nella gilda degli assassini (perché in ogni campagna fantasy prima o poi ciccia fuori la gilda assassini) si rivela essere un giocatore migliore del veterano che ha speso giornate intere a inventare un personaggio, tuttavia mi fa un po’ tristezza vedere tanti personaggi tutti uguali tra loro e tutti ispirati a qualcosa che va di moda.

Dopo “Pirati dei Caraibi” ho assistito all’arrivo di orde di Jack Sparrow più o meno credibili che avevano invaso la categoria “ladro”, dopo l’uscita dei tre film de “Il Signore degli Anelli”, migliaia di ranger divennero la brutta copia di Aragorn,  il successo di “Assassin’s Creed” ha riempito le location dei LARP di tizi incappucciati con la mania di colpire alle spalle.

Dopo il successo di “Avatar”, parlando con un amico abbiamo temuto l’invasione di omini blu col perizoma di pelle. Fortunatamente la nostra previsione si è rivelata errata.

Dopo tutto questo predicozzo vi aspettereste che io mi scagli contro questi cloni, invece vi dirò che, purché non si finisca del cosplay  o in un “vorrei ma non posso” queste ispirazioni non sono quella piaga che i giocatori più navigati descrivono.

Anche perché a guardar questo tizio

assassin-s-creed-2-ezio-auditore-da-firenze-play-arts-kai-9-figure

e questo

Untitled-1

non è che si vedano tutte queste differenze di stile, eh.

Quindi si, ben vengano i “cloni” purché siano ben inseriti nell’ambientazione, anche perché tempo una o due sessioni e il PG il questione assumerà vita autonoma.

Se invece vedete un ninja in un fantasy in stile medioevo europeo potete prenderlo in giro fino alla morte.

Sono curiosa di vedere quale sarà la moda dell’anno prossimo, visto che questo tizio sembra destinato ad avere un discreto successo

assassins-creed-iv-black-flag-02

Avremo i pirati assassini, sì anche loro multiclassano.

3 risposte a “Assassini, ninja e pirati”

  1. Alessandro ha detto:

    be… in effetti c’hai ragione, ma non credo le persone siano disposte a travestirsi da avatar. Be, non credo che a parte pazzi maniaci di avatar, non credo che qualcuno sia disposto a vestirsi in blu, a dipingersi col trucco di blu… c’è, almeno le persone sane di mente no.

    • Giovanna ha detto:

      Io tra le mode ho odiato di più quella dei ninja. Non so perché ma non c’è cosa che odi di più al mondo dei ninja! Però mi sono davvero appassionata agli assassini. In effetti però i pirati sono quelli che ho amato di più grazie a Jack Sparrow. Se siamo fortunati l’anno prossimi la moda andrà su personaggi più fantasy, tipo maghi-guerrieri. Intanto speriamo …

  2. Lucy ha detto:

    A me non piace sta cosa delle mode … c’è, è noiosa. Se ti piace una cosa dev’essere una. Non è che ogni anno c’è qualcosa di diverso. Hanno fatto gli assassini, continuassero co gli assassini, e poi facciano ciò che vogliono, ma mi sono seccata di ste mode del c****. Scusate tanto della parola ma ci voleva proprio!

Rispondi

Segui il blog via email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: