Il collezionista

8 luglio 2013

I collezionisti, si sa, capiscono più degli altri il valore dell’oggetto della loro passione, ad esempio vi sono migliaia di leggende metropolitane di persone che, acquistata una nuova casa trovino una scatola piena di vecchi fumetti, o vecchie monete, o una busta di francobolli che si è rilevata poi avere un valore di qualche migliaio d’euro.

Per dire, se camminando per strada trovate una carta tipo questa:

blacklotus[1]

raccoglietela e mettetela in cassaforte: viene venduta a 1.500$ in media. (10.00$ per l’edizione Alpha)

Ma non sono solo le Magic ad avere valori impensabili per un profano.

Il manuale di “Vampire the Masquerade, special 20th anniversary edition” viaggia a circa 500€ su ebay , e il prezzo è destinato a salire dato che il manuale è uscito solo due anni fa (l’anno scorso l’edizione italiana). Ancora non ho capito perché non l’ho preso né in versione inglese nè in versione italiana, o meglio lo so ma non voglio pensarci: costava uno sproposito. Sto seriamente valutando tuttavia di ordinarlo qui, stesso contenuto, diverso formato. Nel suo piccolo, anche il manuale base della prima edizione è diventato un’oggettino da collezione di tutto rispetto: si trova in giro praticamente solo al doppio del prezzo di copertina (intendo ben tenuto a meno di botte di fortuna).

I manuali di D&D invece non sembrano acquisire questo valore aggiunto. Che sia l’AD&D o la 3.5, i prezzi sono paragonabili, se non inferiori, a quelli di un manuale nuovo di fumetteria. Ho trovato la scatola rossa a meno di trenta euro, per dire.

Qual è il vostro rapporto con quegli oggetti legati alla vostra passione diventati ormai introvabili? Quanto paghereste un manuale firmato dall’autore o uscito fuori produzione?

3 risposte a “Il collezionista”

  1. Aralu ha detto:

    Allora io non sono un collezionista di gdr ma ho avuto la fortuna di giocarne parecchi. Purtroppo all’epoca usava con i miei amichetti squattrinati metterci da parte i soldi, unire il malloppo e comprarci i manuali che restavano di proprietà del “gruppo”. Ovviamente immagina come si riducevano i manuali che passavano di mano in mano anche per dei mesi. Molti giochi sono rimasti ai miei vecchi compagni di avventura ed alcuni a me. Ho ad esempio il manuale della prima edizione di D&D (quello col drago rosso in copertina) in condizioni a dir poco pietose! Oltre alle brame dei miei amici ha anche sopportato l’avvento di ben cinque trasolchi.
    Possiedo la seconda edizione del Richiamo di Chtulu (classico), che viaggia attorno alle 70 euri. Ho vampiri i secoli bui in buone condizioni. La masquerade ed altri manuali.
    Ai miei compagni sono rimasti oltre che ai vari compendi di D&D, il manuale di gurps (non mi ricordo l’edizione) e cyberpunk, più altri giochi di cui non mi ricordo assolutamente i nomi… botta di nostalgia 🙂
    A saperlo me li compravo tutti io 😛

    • -lirin- ha detto:

      i manuali in multiproprietà non li ho mai avuti, per una lunga serie di motivi tra cui principalmente
      1) la diversa cura che i diversi proprietari dedicavano ai manuali
      2) il problema di “chi se li tiene?”

      Per manuali ridotti in condizioni pietose… bhé una giocoleria metteva a disposizione dei manuali per i giocatori “soci”, le condizioni in cui si ridussero quei manuali nel giro di un paio di mesi vanno oltre l’umana concezione, forse rientrano in quella orchesca ma non ne sono sicura

      • Aralu ha detto:

        Si infatti non eravamo proprio dei geni a comprare i manuali in gruppo 🙂
        Ma sai quando sei giovane (si parla del periodo scuole medie) non fai molto caso a “chi se li tiene” o a “come tenerli bene”. A noi bastava giocare 😀
        Un po’ di nozioni generali, un foglio quadrettato, una matita e via!
        Fai conto poi che la moda del gdr era scoppiata in quel periodo ma non potevamo prevedere che i manuali sarebbero diventati roba da collezionisti. A saperlo …

Rispondi

Segui il blog via email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: