I PNG del cuore

8 ottobre 2014

Ho ragionato un po’ su questo post perché volevo dare una panoramica dei PNG che meglio caratterizzati o più interessanti nelle varie ambientazioni, poi mi sono detta che era inutile ragionarci più di tanto perché un personaggio può rimanerci impresso per mille motivi, spesso magari solo per come ce l’ha mostrato il narratore di turno. Quindi ho rinunciato alla completezza, un post del genere sarà sempre e comunque incompleto, e all’obbiettività e ho deciso di nominare i primi PNG che mi venivano in mente. Mi spiace solo di lasciare fuori quelli che i vari master hanno inventato da soli di volta in volta perché purtroppo li abbiamo conosciuti solo noi giocatori attorno al tavolo da gioco, per quanto meravigliosi.

Bando alle ciance, questi sono i PNG che i narratori (o solo gli autori) mi hanno fatto amare:

Giangaleazzo

Giangaleazzo_portrait

Gian Galeazzo Visconti, vescovo principe di Milano, un fratello a cui piace fare le cose in grande. Diciamolo, tutti sono in grado di lasciare il Sabbat per la Camarilla quando si è solo una mera pedina o poco più di carne da macello.

Ma solo un vampiro ha temporeggiato a lungo prima di schierarsi da una parte, ha venduto il sire per fare una buona impressione (vabbè questa è un po’ la norma), ha raggiunto una delle posizioni più importanti del Sabbat, ne ha scritto le leggi per poi organizzare il più grande falò di tutta l’ambientazione (1).

La figura di Giangaleazzo è sicuramente una delle più affascinanti di Masquerade, un po’ perché è l’emblema dei sotterfugi e dei tradimenti che sono alla base del gioco, un po’ perché al di fuori dai classici personaggi che ci vengono presentati.

Ci sono molti, moltissimi, PNG interessanti in Vampire the Masquerade, ma in qualche modo Giangaleazzo è quello che rimane più impresso.

Il Cecchino

sine-requie-cover-art-manuale-baseNon ho mai incontrato il Cecchino e non ho giocato moltissimo a Sine Requie, ma il Cecchino è un personaggio che mi è rimasto impresso dalla semplice descrizione che me ne fece una volta un amico.

Se non è abbastanza inquietante un cecchino che pianta una pallottola in testa alla gente senza un motivo apparente in un mondo dove i morti se ne vanno a zonzo, questo è uno zombie cecchino senziente che vede i viventi come non morti.

Fa paura, ecco.

Drizzt Do’Urden

Drizzt

Al secolo Drizzt Daermon N’a’shezbaernon.

Drizzt l’abbiamo incontrato tutti, fosse solo per Baldur’s Gate.

Al di là della storia, sicuramente particolare, del nostro caro drow, credo che mi sia rimasto nel cuore anche perché è legato ai miei primi passi nel GDR. La sua storia, se siete qui, la conoscete.

Mitch Hunter

Mitch-hunter-foto

Questa volta non c’entra la biografia del personaggio, l’ambientazione o il momento in cui l’ho conosciuto: Mitch Hunter è “The Expandebals” vent’anni prima.

 

E qui mi fermo, perché mi sono autoimposta di mettere solo un personaggio di VtM altrimenti avrei riversato qui mezzo mondo di tenebra, perché per la natura stessa del post non ha senso metterne tanti e perché so che comunque lascerei furoi qualcuno.

Sicuramente appena cliccherò su “pubblica” me ne verranno in mente a decine, ma c’è sempre tempo per una seconda parte.

E i vostri PNG del cuore quali sono?

 

(1) oddio forse quello di Città del Messico è stato più spettacolare…

Una replica a “I PNG del cuore”

  1. vodacce ha detto:

    avendo masterizzato quasi sempre avrei grosse difficoltà a presentare un bel png altrui, visto che di solito li creo 🙂

    Direi Marco Volo, del forgotten realms, perchè in un ambientazione che spesso si prendeva troppo sul serio, Marco è una boccata di aria fresca 🙂

Rispondi

Segui il blog via email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: