Quattro chiacchiere su Dossier: MassMedia & Spettacolo

23 ottobre 2017

#UrbanHeroes ha avuto la capacità di coinvolgermi da subito al di là del gioco in sè: è stato subito amore per il metaplot, per i personaggi e gli intrecci delle loro storie, già dal manuale base si intuiva che gli indizi disseminati in didascalie, immagini e profili heroesbook non erano messi lì a caso. Qualcosa l’ho intuita fin da subito, qualcosa l’ho realizzata solo molto dopo, altre non le capirò mai. Potete immaginare quanto stia aspettando un manuale che mostri gli uomini dietro le maschere, riveli alcuni segreti e porti avanti la narrazione fino a dopo l’elezione di Trump.

Ho fatto quattro chiacchiere con i ragazzi di TinHatGames cercando di farli sbottonare un po’

Cominciamo con le cose semplici: cosa troveremo in Dossier: MassMedia e Spettacolo?
Questo Dossier, come il precedente, sarà un condensato di informazioni riguardante il mondo dello spettacolo e dello showbiz ma non solo, parleremo anche di fama, celebrità, psicosi derivanti dallo stress di essere costantemente sotto i riflettori, sport e una buona dose di lore su quello che sta avvenendo realmente su Terra Z.
Quindi troverete schede di PNG: Armin Von Z e Lola Dakota + un paio di PNG di cui non avete sentito ancora parlare ma che, ve lo possiamo garantire, sono molto interessanti e ottimi spunti per le vostre campagne.
Questo Dossier infine include l’inedito sistema POP, un gestionale di popolarità dei vostri H.E.R.O.es che abbiamo già visto accennato in “NEXT – Who will be the NEXT H.E.R.O.?”, la nostra avventura completa dedicata al mondo dei reality show; la differenza è che qui non vi troverete delle regole relative al contesto televisivo ma al mondo reale, fatto di scandali, imprevisti, relazioni e tantissimi altri elementi come costumi, eventi della vita, conoscenti ecc…

Ci saranno rivelazioni “piccanti” sui nostri cari H.E.R.O.es più famosi? O il torbido in cui sguazzeremo riguarderà solo fatti legati al penale?
Fatti torbidi, torbidissimi: nuove coppie, coppie che si lasciano, scandali passati e ovviamente tanti interessi privati oltre al solito mix di corruzione e cattiveria.
Come abbiamo cercato di dimostrare in #UrbanHeroes i veri protagonisti non sono tanto gli eroi ma piuttosto gli esseri umani, con le loro debolezze, manie, ossessioni, cambi di opinione e a volte colpe di testa.
Un consiglio? Non perdetevi nemmeno un dettaglio e cercate indizi nelle didascalie, sottopancia e nell’impaginazione in genere 🙂

Finalmente sapremo qualcosa sul misterioso GiapponeZ, quanto l’importanza che questo paese ha nell’immaginario del nerd medio ha influito sulla creazione di questa parte di ambientazione?
Sì e no.
Sì nel senso che non volevamo assolutamente dare ai nostri lettori qualcosa di trito e ritrito del tipo robottoni-mostri tentacolari-samurai, lungi da noi fare pipponi sull’appropriazione culturale ma se continuiamo a battere sugli stessi tasti avremo sempre un Giappone farcito di guerrieri onorevoli e silenziosi, un nord freddo e fatto di barbari possenti e un generico sud del mondo di sorrisi e musica nel sangue.
No nel senso che abbiamo colto l’occasione al volo: dovevamo parlare di sport, sport estremi e fuori dal comune, e ci abbiamo messo dentro un focus sul Giappone contemporaneo, un luogo molto diverso dalle altissime aspettative di fan e tifoserie varie, in cui, come potrete scoprire, non è tutto ora quello che luccica e in cui la disperazione di sentirsi inadatti e fuori posto è palpabile, specialmente in un luogo in cui non si sono mai manifestati H.E.R.O.

Il nuovo Dossier risponderà a qualche interrogativo sugli avvenimenti di TerraZ, ne aprirà degli altri?
Certo che sì!
Come al solito dietro ogni piega di lore e ogni risposta spuntano nuovi interrogativi e dubbi però, come diciamo spesso, stiamo spiegando tutto e, se avete l’occhio abbastanza allenato, vedrete anche voi che la fine è vicina, per citare Watchmen. (1)

Da un lato più pratico: oltre al sistema POP, quali altre regole avremo per personalizzare i nostri PG?
Avrete nuove Scelte di Vita, Eventi della Vita, Abilità Specifiche (Modeling, Paparazzo, Ultrafighter come Professioni e poi molto altro!), Specializzazioni, 4 nuovi spunti di avventura, un intero capitolo dedicato alle psicosi relative al mondo dello spettacolo, un capitolone che vi aiuterà a dare maggiore corpo alle vostre narrazioni e che si spiega da solo con il titolo “Estetica dei Poteri”, una serie di nuovi Potenziamenti, Equipaggiamenti e come ultimo il capitolone dedicato a Organizzazioni e personalità (dove potrete trovare molti spunti per le vostre avventure e 4 schede di PNG).

Com’è nata l’idea iniziale di UH? Avevate subito in mente l’idee principali della storia (esplosione dell’LHC, Blackout…) o sono venute in mente dopo che una prima bozza di gioco già c’era?
L’idea base è venuta ad Alessandro attraverso gli anni, gli elementi base c’erano: la causa (l’esplosione del CERN), i protagonisti e il desiderio di interpretare la realtà attraverso la lente del realismo e della verosimiglianza. Insieme poi abbiamo rivisto molti aspetti regolistici e soprattutto virato quel tono un po’ grottesco (che ancora si intravede nel primo manuale in bianco e nero) verso un taglio sempre più giornalistico e di riflessione del quotidiano. È nata così l’idea di Blackout (e se VERAMENTE succedesse qualcosa di portata mondiale il 31/12/2012?) e tutto quello che avete modo di leggere nei nostri manuali: a fianco del macroplot che è fissato si agganciano altre tematiche che possono partire come semplici curiosità per poi confluire nel “grande piano”.
Insomma il nostro è un continuo esercizio di stile, a metà tra la programmazione, l’improvvisazione e l’inseguimento di quello che c’è là fuori e che spesso ci stupisce, anche se non sempre piacevolmente.

Uno dei punti di forza di #UrbanHeroes è il continuo gioco di rimandi con la realtà. Vi capita mai di sentire una notizia e pensare a come adattarla a TerraZ? Oppure pensate agli avvenimenti su TerraZ tanto poi la realtà supera la vostra fantasia?
SEMPRE.
Spesso anzi ci capita di azzardare un possibile sviluppo per una situazione su Terra Z e poi vederlo realizzarsi davvero. Un esempio è la Brexit: noi abbiamo iniziato a parlarne in Blackout: il Regno Unito, grazie a XIX Century Boy, si salva parzialmente dall’oscurità e, al risveglio dell’Europa dopo un mese di follia e buio realizza che non ha bisogno dell’enorme macchina burocratica che è l’Europa e la LFE, quindi esce, sbatte la porta e buonanotte a tutti. Più che tirare a indovinare cose a caso il nostro è un esercizio “giornalistico”, diciamo: osserviamo la realtà, deduciamo dei possibili scenari e scriviamo possibili conseguenze.
È anche un ottimo modo per tenersi informati 😉

“Lights On” credo sia qualcosa di unico come struttura nel panorama ludico italiano (ma anche internazionale), come hanno reagito i vostri giocatori ad un manuale puramente narrativo? Ce ne saranno altri? Avete già in mente su chi puntare i riflettori?
Lights On ci ha sorpreso, e molto.
Molti tra i nostri giocatori lo reputano uno dei manuali più interessanti e molti Sceneggiatori non solo lo acquistano ma lo consigliano ai propri giocatori come base per costruire H.E.R.O. credibili, al di là dei soliti stereotipi.
Quello che volevamo raggiungere era una raccolta narrativa che trasmettesse proprio questo: la materia viva di cui sono fatti i personaggi e, visto le richieste che riceviamo a gran voce, credo proprio che presto ne uscirà una nuova versione, un Lights On Vol II.
Sì, abbiamo già alcuni nomi caldi ma è ancora un po’ presto per parlarne, anche perché in lizza per le prossime pubblicazioni c’è anche #UrbanHeroes VM18, un altro esperimento bello pepato!

Avete dei personaggi preferiti? E i beniamini dei giocatori ve li aspettavate? Credete che le rivelazioni di Dossier: MassMedia e Spettacolo possano spostare l’indice di gradimento?
Sì, ognuno di noi ha uno o più personaggi preferiti ma questo non ci ha mai impedito di farne strazio quando era necessario.
No, francamente alcuni beniamini dei nostri fan ci hanno stupito moltissimo ma bene così: significa che abbiamo saputo dare a ognuno un carattere unico e diverso, in grado di attirare simpatie e antipatie in chi li conosce più intimamente.
Sì, crediamo che con ogni supplemento le persone possano cambiare opinione sugli H.E.R.O. coinvolti, ci è addirittura capitato di sentirci dire: Eh, questo qui però è proprio un coglione / mi ha deluso moltissimo, ma dai, ma che fa? oppure, al contrario Sai che non l’avrei mai detto? Sembrava un personaggio secondario e invece… / Ma sai che questo è proprio un bel PG? l’ho adorato, ora lo inserisco nella mia cronaca!
Insomma preparatevi a conoscere meglio alcuni “eroi” e non solo e, come sempre, ricordatevi che nessuno è intoccabile! (2)

Una cosa che mi riguarda da vicino: Heroesbook e l’attacco di The8er. Ci saranno altre sconvolgenti rivelazioni?
Speriamo che non ci siano altri hacker in circolazione!
Altre rivelazioni? Beh, se ti dicessi che Heroesbook è praticamente il protagonista del nuovo Dossier? 😀

Ti direi che è un altro motivo per cui attendo di avere il manuale tra le mani. Dimenticavo una cosa fondamentale: dove sarà possibile trovarvi al LuccaC&G?
A Lucca saremo al famoso padiglione Carducci/padiglione Games, allo stand Tin Hat Games presso Raven Distribution. Oltre a questo saremo anche al Borda Fest con un banchetto dedicato al mondo di V-World. Come al solito non posso che suggerirvi di portarci derrate alimentari per sostenerci nella nostra sfacchinata e di avere pietà per le nostre anime immortali.

 

Dossier: MassMedia&Spettacolo è in pre-order sullo shop TinHatGames

 

(1) Se ve lo state chiedendo, no, non me ne ero accorta

(2) Potete iniziare a preoccuparvi con me per il vostro HERO del cuore

Rispondi

Segui il blog via email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: