Le ragazze del GDR

6 febbraio 2018

Uno dei principali luoghi comuni sul mondo del GDR è che sia un ambiente prettamente maschile. Convinzione che si estende a qualsiasi categoria “nerd”: lettori di fumentti, videogiocatori, studenti di ingegneria…

Ora, per quanto l’esperienza personale ha valenza statistica quasi nulla, possiamo concordare come questo non fosse troppo lontano dalla realtà.

Fino a qualche anno fa ero una netta minoranza, di ragazze nel GDR ce n’erano pochine, ragazze tra i master erano figure leggendarie.

Poi do un’occhiata ai “parteciperò” all’evento su FB per la Call for Master del Modena Play.

Con tutte le considerazioni sulla rilevanza statistica di quel tipo di elenco noto una cosa: circa il 40% dei master volontari sono ragazze.

Un 40% di quote rosa arrivato naturalmente, senza obblighi di raggiungerlo. Un 40% che in altri ambiti (chessò le iscrzioni a facoltà scientifiche) avrebbe fatto gridare all'”era ora” al “ce l’abbiamo fatta”. A mio modesto parere c’entra il fatto che una giocatrice e un giocatore di solito vengono trattati allo stesso modo.

E niente, questo mi convince ancora di più su alcune mie idee che però esulano da quello di cui vorrei parlare su questo blog.

Commenti
  • Paolo Redaelli ha detto:

    Oibò, credo di volerti chiedere un piccolo consiglio…. vorrei introdurre le mie fanciulle 10 e 7 anni al GDR.
    Non sono quelle delle fatine, anche se han digerito le Witch, Milla e Sugar e via dicendo. La grande ha già letto tutto quello che si può leggere su Harry Potter, “piece” teatrale compresa, la piccola sta leggendo l’Ordine dela Fenice…
    Volevo quindi provare qualcosa “alla HP”… sai mica se ci sono ambientanzioni che non siano nella “trita e ritrita” Hogwards? Possibile che le scuole di magia in tutta Europa siano solo tre?
    A me francamente pare improbabile.
    Mi sono avventato su D&D 5e, e sullo starter kit, ma non credo che attirerei la loro attenzione….

    • -lirin- ha detto:

      Ciao,
      ambientazioni in stile HP non ne conosco purtroppo, posso segnalarti questo https://www.magicampus.it/ per la più grande (per la prossima edizione però che l’età minima è 11 anni).
      Non credo nemmeno io che le scuole di magia in Europa siano solo 3, potresti prendere in prestito l’ambientazione di HP, metterci su il D20 System o il Cypher System http://cypher-system.com/ ma forse sono sistemi di regole troppo complicati per due bambine.

      Puoi provare OnStage! ( http://appuntisparsidiunanerd.it/2014/08/06/on-stage-questa-sera-si-recita-a-soggetto/ ) e usare uno dei libri di HP come base o qualche altra saga che a loro piace (io amavo SaliroMoon e mi sarebbe davvero piaciuto fare la combattente che veste alla marinara).

      Un altro gioco che potresti provare è “Non andare nel bosco d’inverno” (http://www.ganeshagames.net/product_info.php?products_id=236) è un gioco horror ma molto dell’avventura è in mano ai PG, dubito che inseriranno elementi disturbanti (te la puoi cavare con il classico orco cattivo insomma)

      Ti consiglierei anche Mouse Guard, ( https://www.wyrdedizioni.com/index.php/2017/12/21/mouse-guard-la-guardia-dei-topi-come-si-gioca/ ) non l’ho mai provato ma mi dicono abbia un regolamento snello e veloce, che sia divertente e che davvero possa essere giocato ad ogni età.

      Se vuoi fare un test veloce per vedere se possono apprezzare il GDR dai un’occhiata qui https://imgur.com/a/d8QZe The Witch i Dead è un gioco in cui regolamento e ambientazione entrano in un A4.

      Per D&D5 non saprei cosa dirti, ho preso il Manuale del Giocatore poco prima di Natale e ancora non ho avuto modo di leggerlo, figurati di provarlo.

      Se andrai al Play ti consiglio di passare in Segreteria GDR, ci sono tantissime Demo e potrebbero saperti indicare qualcosa adatto a loro

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: